Questo sito utilizza cookie. Cliccando su o proseguendo nella navigazione o effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Diritto ambientale: la bonifica dei siti contaminati. Compendio breve

Questo primo quaderno è stato dedicato ad un tema - quello della bonifica dei siti inquinati - che va letto oggi con rinnovato interesse alla luce delle novità introdotte dalla legge 68/2015, che come noto ha introdotto i reati ambientali all’interno del codice penale. Bonifica e ripristino assurgono oggi a strumenti di riparazione dell’inquinamento ambientale che condizionano variamente anche il profilo dell’imputabilità penale e le stesse procedure aziendali di risk management e risk assessment, che dovrebbero trovare nei modelli organizzativi ex D.Lgs. 231/2001 la loro sintesi finale. Il presente compendio offre pertanto all’impresa un sintetico riferimento per comprendere la disciplina procedimentale di quella forma riparazione ambientale che è la bonifica, costituente pure applicazione del principio comunitario “chi inquina paga”. Inoltre, l’approfondimento che si offre ai lettori cerca di marcare differenze e connessioni esistenti tra la disciplina sulle bonifiche dei siti contaminati e quella della parte sesta del D.Lgs. 152/2006, dedicata quest’ultima al cosiddetto danno ambientale e alla sua riparazione.



Studio Legale Associato Merlin & Tonellotto

Viale Zileri 4/13 - 36050 Monteviale, (Vicenza)
t 0444.960790 - f 0444.1510112

Via Bigli, 2 - 20121 Milano
t 02.303049 - f 02.76281352

C.F. e P.IVA 03174780241